Dir. Sanitario Dott. Gianni Rossi

Website (C) 2014 by BF

Share on Facebook Share on Twitter

Condividi su

MLCC Life-Check HOME

Sei qui :

HOME                             Total Body Scan
Radiologia Tradizionale Cardiologia Colonscopia Virtuale Dental Scan
Progetto Donna Ecografia Mammaria Mammografia Digitale Mineralometria Ossea - MOC RMN della mammella Visita Ginecologica con Pap Test

MAMMOGRAFIA DIGITALE

La mammografia digitale è un esame fondamentale per la prevenzione del tumore della mammella, poiché in grado di individuare lesioni di piccole dimensioni; rappresenta quindi una tecnica diagnostica a mono dosaggio consigliata a tutte le donne a partire dai 40 anni.

E' buona norma che la mammografia venga seguita da una visita, in occasione della quale si possono confrontare le mammografia eseguite in precedenza, per individuare eventuali variazioni.


PRIMA DELL'ESAME


Per una migliore precisione della diagnosi la mammografia deve essere eseguita quando il contenuto d'acqua della mammella è minore, quindi è utile fare indagine nelle pazienti con mestruazioni o con terapia ormonale sostitutiva tra l'ottavo ed il diciottesimo giorno dopo l'inizio delle mestruazioni. Per le donne in menopausa, senza terapia ormonale non vi sono differenze.

Alcuni deodoranti, creme o talco possono causare immagini di densità alta che possono simulare calcificazioni tumorali, quindi si consiglia di evitare l'uso locale di tali preparati.


Nel caso in cui, siano già stati effettuati esami mammografici, ricordarsi di portare sempre le mammografie precedenti (non solo le risposte scritte), il confronto con le immagini precedenti è fondamentale per il medico radiologo per giungere ad una diagnosi corretta. La paziente deve essere preparata a sopportare un lieve dolore per pochi minuti, causato dalla compressione, indispensabile per una corretta diagnosi.


COME SI SVOLGE


La paziente in piedi, a seno nudo, deve appoggiare una mammella per volta sull'apposito ripiano. La mammella sarà posizionata dalla tecnica di radiologia in modo che sia ben distesa e sarà lievemente compressa per permettere un'ottimale visualizzazione. La paziente potrà in ogni caso collaborare per raggiungere il corretto posizionamento ed in ogni caso richiedere un' eventuale e temporanea interruzione dell'esame per un aggiustamento più soddisfacente. Vengono normalmente eseguite due proiezioni, per ogni mammella, una con il tubo dei raggi X sopra la mammella ed una seconda con il tubo vicino alla spalla della paziente per ottenere una proiezione obliqua. L'esame dura pochi minuti e l'unico disturbo è la compressione precedentemente descritta. L'esame in casi particolari, può essere proseguito con proiezioni aggiuntive, per risolvere dubbi diagnostici.


DOPO L'ESAME


Non è necessaria nessuna precauzione. Ricordarsi di eseguire una nuova mammografia dopo due anni o dopo il periodo consigliato nella risposta.

Anche in caso d'esame mammografico negativo, se la donna nota un'alterazione nuova deve rivolgersi al proprio medico appena se ne accorge, per una diagnosi rapida. Anche in caso di studio di mastite nel periodo dell'allattamento la mammografia non costringe a sospendere l'allattamento.


QUANDO NON SI PUÒ FARE


Anche se la dose sull'utero è quasi inesistente è sconsigliata in gravidanza. Nelle donne con meno di trentacinque anni è preferibile che sia preceduta da un'ecografia. Tenere conto della fase mestruale per un migliore risultato. in persone non collaboranti, o che non possono stare in piedi o sedute non è possibile eseguire l'esame.

VISUALE MAMMOGRAFIA


MAMMOGRAFO DIGITALE


Il progetto prevede lo screening mediante periodiche indagini cliniche-strumentali: